CONTRASTARE L’OSTEOPOROSI

L’osteoporosi è una patologia ossea che provoca un indebolimento delle ossa.

Le ossa sono formate da tessuti viventi, per la maggior parte da una parte morbida, costituita dal collage e dal fosfato di calcio che le rende rigide.

Nel corso della vita le ossa continuano a cambiare e il vecchio tessuto osseo viene sostituito da nuovo. Fino verso i 30 anni l’organismo produce più tessuto osseo di quanto ne elimini aumentando la massa ossea fino ad arrivare al suo picco massimo. Con il passare degli anni il nuovo tessuto osseo sarà minore rispetto a quello che verrà eliminato rendendo le ossa meno robuste.

Chi tra i 20 e i 30 anni ha raggiunto una buona massa ossea, avrà meno rischi di ammalarsi di osteoporosi, avendo sostanzialmente delle scorte.

La robustezza ossea dipende anche dalla loro dimensione e dalla densità delle stesse, la densità, a sua volta, dipende dalla quantità di minerali quali: calcio, fosforo e altri contenuti nelle ossa stesse.

La densità ossea dipende anche dai livelli ormonali, per questo le ossa diventano più fragili durante la menopausa, periodo in cui i livelli di estrogeno si abbassano.

Altri fattori che portano all’osteoporosi sono:

• Mancanza di calcio.

• Fumo.

• Disordini alimentari.

•Sedentarietà.

• Eccessivo consumo di alcolici che inibiscono l’assorbimento di calcio.

• Uso di alcuni farmaci quali: corticosteroidi, inibitori dell’aromatasi, antidepressivi, anticonvulsivanti, antiacidi… ed altri ancora, durante la cui terapia è necessario fare esami che tengano sotto controllo la densità ossea.

• Invecchiamento.

• Ereditarietà.

• Magrezza.

• Eccesso di ormoni tiroidei.

• Celiachia.

Generalmente la prima fase della malattia è asintomatica, si scopre di soffrire di tale patologia a seguito di un esame specifico, la moc: mineralometria ossea computerizzata.

Esistono molti farmaci ed integratori per contrastare l’osteoporosi sarà cura del medico decidere quali sia la strategia migliore a seconda del caso specifico.

Sicuramente correggere lo stile di vita e l’alimentazione possono essere un grande aiuto, questi alcuni consigli:

• Per evitare di accumulare tensione sulla colonna vertebrale è necessario: mantenere una buona postura, senza inarcare la schiena, evitare di leggere o studiare da sdraiati, posizionare un asciugamano arrotolato alla base della schiena quando si deve passare molto tempo alla guida, piegare le ginocchia per sollevare un peso.

Un altro aspetto fondamentale per avere ossa forti è il calcio, l’organismo lo assimila con l’alimentazione o solo in alcuni casi mediante integratori, nelle varie fasce d’età il bisogno giornaliero di calcio è differente, nello specifico si consiglia:

 Fino a 1 anno: da 210 a 270 mg

 Da 1 a 3 anni: 500 mg

 Da 4 a 8 anni: 800 mg

 Da 9 a 18 anni: 1.300 mg

 Da 19 a 50 anni: 1000 mg

 Oltre i 51 anni: 1200 mg

Gli alimenti fonte di calcio sono: latte e i derivati, mandorle, broccoli, spinaci, cavoli, salmone, sardine ed i prodotti derivati dalla soia, come il tofu.

Anche l’assunzione di vitamina D è fondamentale, questa viene sintetizzata dalla luce del sole ma è presente anche nel pesce grasso (tonno, sardine, salmone…) e nel tuorlo d’uovo.

Altro aspetto fondamentale da non sottovalutare assolutamente per avere ossa robuste, anche con l’avanzare degli anni, è fare attività fisica. La situazione migliore verrebbe a verificarsi se tale attività abbia avuto inizio fin da giovani, ma non è mai tardi per cominciare, con i giusti ritmi e gradatamente.

10000004407.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...