COME DIMAGRIRE – 2^Puntata

Ovvero viaggio semiserio e a puntate nelle soluzioni dimagranti che vanno per la maggiore (Avvertenze: il linguaggio impiegato è colloquiale e a volte gergale).

Strano che non ti abbia detto di quel bel barattolone di proteine che ti ammicca da una vetrinetta; sopra e sotto, ci sono le barrette che sostituiscono il pasto, e lo sport-drink. Non sai se fidarti o no, ma già che ci sei intanto ti compri la borsa e sei indeciso sul body della palestra, ma poi concludi che è più cool la t-shirt col berrettino.

Dopo tre mesi ti piaci di più, e anche la dieta proteica no-carb autoprescritta tiene, ma la tartaruga stenta a venire, e con gli addominali sei fermo alle quattro serie da quindici. E ogni volta che vedi gli altri, ti sale l’invidia.

Hai iniziato, ogni tanto, a prendere purganti perchè ti sembra di far fatica ad andare di corpo; ti senti l’alito cattivo, ripieghi su colluttori e caramelline senza zucchero, che rinfrescano. Hai pensieri che un po’ ti tengono sveglio.

Ch’è successo? Il tuo intake sbilanciato fai-da-te non ti fa assimilare tutta la quota proteica assunta, benchè aumentata ai limiti della dialisi. La tua alimentazione è così scientificamente raffinata da non aver scorie che fanno massa utile all’evacuazione. L’acidosi aumenta influendo, tra le altre cose, sull’alito e sul sonno.

Prendi la situazione in mano: con tutti i depliant che hai letto, adesso sai di quali integratori “giusti” hai bisogno, il problema è che costano un botto ma magari con la ricetta del medico li paghi qualcosina meno.

Il tuo medico stenta a riconoscerti, ti ricordava un lardoso corpaccione e poi è una vita che non ti fai vivo. È lieto di vederti, gli racconti, ti raccomanda di stare attento, ti stringe la mano… ma niente ricetta. Vorresti essere seccato, ma hai appena scoperto che la ricetta non ti serve per gli integratori, e quindi esulti.

Li vendono un po’ dappertutto, in farmacia, erboristerie, negozi più o meno “specializzati”, supermercati. Non serve ricetta, anche se facendo due conti da una parte ti spiace. Decidi di acquistare in farmacia quei due-tre “che servono davvero”, per gli altri vai al “super”.

In tutto ora hai un assortimento di una decina di scatole, ce n’è da prenderne mezz’ora prima di colazione, poi dopo pranzo e prima di cena alcuni, se la cena prevede il primo piatto, altrimenti devi prenderne altri. Alcuni sono buoni, altri non sanno di niente e oltretutto fanno i grumi.

E ce ne sono che vanno presi durante e dopo la palestra. Alcune volte sostituisci il pranzo con due barrette. Tutto rigorosamente dosato e preciso in termini di grammatura ed orario. È la volta buona, te lo senti! 😉

Che fastidio comunque, quelle scossette alle gambe quando vai a dormire; e sto cuore a mille ogni tanto? Brividi, crampi, sudato freddo un po’ si un po’ no… ti sale il rigurgito acido dallo stomaco… e chi riesce a dormire? E meno male che lo sport fa bene!

Ch’è successo? Tutti quei prodotti che assumi riducendo i pasti cucinati ti hanno aumentato l’acidità di stomaco. L’iperconsumo dovuto all’attività fisica ti ha disidratato, e posto in squilibrio salino più o meno importante; l’uso testardo di “bevande sportive” certo non aiuta: il corpo reagisce a livello cutaneo cercando di eliminare i sali in eccesso con la sudorazione, perciò avverti qualche brivido; a livello muscolare, hai crampi e tachicardia.

Torni dal medico, gli dici dei brividi e dell’acidità di stomaco, stavolta ti fa una ricetta per l’inibitore di pompa e per l’idrosalino da sciogliere due volte al giorno in mezzo bicchiere d’acqua (ti dice che l'”Acquasport” non va bene), ti fa fare gli esami del sangue e delle urine, ti chiede quando ce li hai di farglieli vedere.

Gli esami ti sembrano un po’ sballati e ci metti un po’ a portarglieli; non sai se dirgli che… da quando hai iniziato la dieta, gli integratori, e la ginnastica… con tua moglie ti saresti aspettato qualcosina in più e invece… non solo questo senso di stanchezza non se ne va… ma oltretutto… niente, da tre mesi… e lei ti sembra più nervosa.

Eppure allo specchio ti piaci di più: la tua muscolatura effettivamente si è trasformata, ti sembra anche che puoi risparmiare su qualche seduta di lampada total-body che avevi in mente di fare, come tocco da maestro… ma allora come mai ti senti la pelle strana e un certo odorino addosso?

Ch’è successo? Hai le proteine, il ferro e il colesterolo bassissimi, in compenso hai gli acidi urici a palla. Non ti molla mai un cerchio alla testa, l’erezione diventa ricordo dei bei tempi che furono. La pelle assume un colorito bronzeo e un odore caratteristico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...